Arsenal v Crystal Palace 2-3 e Premier 2019/20 prenotata

Dal tempo di FA Cup ad oggi, ultimo post scritto su questo blog, la redazione di Crystal Palace ITalia non si é sbattuta molto.
In finale ci é arrivato il Watford, che ha eliminato il Palace circa un mesetto fa in una partita che sa tanto di occasione persa per tornare dalle parti di Wembley.
Acqua passata, il Crystal Palace in questi tempi bui di calcio moderno, ha raggiunto il vero obbiettivo stagionale, la salvezza. 
Risultato conseguito ufficialmente nei modi tipici delle Eagles; Vincendo all'Emirates, rompendo le uova nel paniere dell'Arsenal in piena corsa Champions League. 
Vero che virtualmente la salvezza era arrivata con i tre pesantissimi punti a St.James Park il 6 Aprile, ma mettere il certificato sulla nostra presenza nella prossima Premier 2019/20 con una prestigiosa vittoria in casa dei Gunners, ha tutto un altro sapore.
Sapore doppio, considerando che l'Arsenal in casa non perdeva un London derby da gennaio 2016, sconfitto contro il Chelsea e non perdeva entrambe le partite contro il Crystal Palace dalla stagione 1979-80.

Veniamo al match nudo e crudo. Palace in campo con Guaita tra i pali, Ward e Wan-Bissaka esterni e la coppia Dann Kelly difensori centrali. McArthur  Milivojevic e Kouyate in mezzo al campo, Meyer che parte da destra a supporto di Zaha e Benteke. Un 442 purissimo vedendolo in azione.
L'Arsenal parte forte come ritmo ma la porta non la prende mai. La sveglia arriva con il vantaggio Eagles al 17'. Punizione affidata ai piedi educati di Milivojevic da trequarti campo dalla fascia, palla docile docile con i giri giusti, per la testa di Benteke, che solo soletto dal cuore dell'area di rigore la deposita in rete. Mustafi forse in ritardo, ma il vantaggio della marcatura a zona é che nessuno si prende le colpe.
Arsenal reagisce ma il primo tempo si chiude così. Nella ripresa i Gunners trovano subito il pari, Lacazette mette un filtrante subdolo per il taglio di Ozil che defilatissimo sulla sinistra della difesa Eagles riesce a far secco Guaita sul primo palo dall'area piccola.
E' finita? nemmeno per sogno, l'Arsenal non punge più di tanto e con l'ABC del calcio arriva il nuovo vantaggio Eagles: Punizione lunga di Kelly dai propri 25 metri, Benteke incontro e Zaha profondo, palla spizzata da Benteke sulla quale arriva Zaha che supera Mustafi, proprio lui! e fa secco Leno nella classica uscita da futsal di questo calcio di tempi moderni e bui. Mustafi prova a dar la colpa a Leno, che forse un passo in più poteva farlo, ma non ti puoi far buggerare in quel modo da Zaha.
Pochi minuti dopo arriva anche il 3-1 firmato McArthur. Anche qui siamo all'abecedario del Football. Corner, bello,come spesso accadei di Milivojevic, cross in mezzo che colpisce la testa del miglior colpitore Eagles Scott Dann, che colpisce poi la testa di McArthur che sembra passare di lì per caso nell'area piccola. Impossibile questa volta per Leno intervenire ma siamo certi che Mustafi avrà qualcosa da dire.
Giusto per rendere ill finale emozionante, arriva il 2-3 di Abumeyang al minuto 77, che sfrutta anche un triangolo involontario con Ward. Finale che non diventa beffa grazie ad un paio di interventi puntuali precisi e sicuri di Guaita, che da quando ha i gradi di titolare sembra crescere di partita in partita.

Sempre a proposito di calcio moderno, come al solito notevoli i supporter Eagles che squarciano il silenzio dell'Emirates, in una parita che per i Gunners doveva essere tutto tranne che accompagnata dalla modalità library visto che sembra molto più importante anche per loro, accedere alla prossima Champions League dal passaggio più sicuro, un posto tra le prime quattro della Premier. 
Premier per la quale ringraziamo Liverpool e City, é infatti merito loro che il massimo torneo inglese non é diventato almeno quest'anno, solo un girone di qualificazione alla prossima edizione della Champions League.
PS: ho ricevuto mail e messaggi, risponderò a tutti! 
Go Eagles I love Football.

Tempo di Fa Cup, Watford v Crystal Palace

Oggi alle 13.15 contro il Watford a Vicarage Road, ci si gioca l'accesso alla semifinale di FA Cup. Tre anni fa questa partita é stata già la semifinale della stessa coppa, partita che grazie ad uno straordinario Connor Wickham ci aveva regalato l'accesso alla finale di Wembley dopo 26 anni di assenza. Wembley amico del Palace contro il Watford, visto che sempre contro di loro arrivò nel 2013 la promozione nella finale playoff della Championship, promozione grazie alla quale il Crystal Palace raggiunse e attualmente mantiene il suo posto nella periferia della Premier League.

Nei 12 precedenti match 9 volte la squadra che ha vinto lo ha fatto con il margine di un solo gol di scarto, aggiungiamoci che é un quarto di Fa Cup, si prevede una gara difficile e complicata.

Team News
Ci mancherà Mamadou Sakho a causa del suo giniocchio fuori uso, prezzo pagato dopo la vittoria 4-1 in trasferta a Leicester. Rientreranno probabilmente Wayne Hennessey e Pape Souare, classiche scelte di Mr. Roy Hodgson per le partite di coppa.
Il Watford di Garcia per contro si presenterà al completo.

In campo
Hornets verso un ritorno al 442 con Troy Deeney e Gerrard Deloufeu per cercare di romperci le uova nel paniere. Hodgson al solito non é legatissimo ad uno schema fisso, solitamente in questa stagione alterna 442 e 433, usato costantemente in questa campagna di Fa Cup contro Grimsby, Tottenham e Doncaster. In queste tre partite non ha ancora subito una rete.

Dove seguirla
Per l'Italia, ci pensa DAZN, appuntamento alle 13.15 sul loro streaming. Visto che ho fatto bene a non disdire il mese di prova?

Go Eagles.

Da Southampton al Fulham con un Batshuayi in più.

Dopo i due punti buttati via nel turno infrasettimanale al St.Mary's Stadium di Southampton, arrivano tre punti pesanti nel derby contro il Fulham e soprattutto il Palace da segni di vita sul mercato. Dal Valencia dove era in prestito dal Chelsea, arriva il centravanti, si avete capito bene il centravanti Michy Batshuayi. Nome che in questa fase di mercato, finalmente giunto alla conclusione, era stato accostato a qualunque squadra dagli esperti di mercato o sedicenti tali, ponendo per assurdo che esistano esperti di mercato. Qualunque cosa voglia dire esperto di calciomercato.

A Southmpton il Palace ha lasciato 2 punti. Non aveva fatto tantissimo per conquistarli, ma tanto bastava, ma una disattenzione difensiva prima e l'idiozia di Zaha nel finale addirittura potevano costare anche quel punticino.
Eagles in campo con Guaita in porta, Wan-Bissaka e Van Aanholt esterni, Tomkins e Sakho centrali, Kouyate Milivojevic McArthur in mezzo al campo, con Townsend Zaha e Awey a dividersi gli spazi offensivi.
Sembra tutto facile con il vantaggio firmato Zaha nel finale di primo tempo, ma il pareggio regalato dalla difesa eagles a Ward-Prowse al minuto 77 complicavano le cose, che stavano diventato pericolosissime quando Zaha polemizzava con Marriner e guadagnava in rapida successione il cartellino giallo e quello rosso. 
Certo Marriner durante tutta la gara ha premiato il gioco rude dei Saints, memorabile quando su una azione offensiva del Palace Tomkins si scontrava in volo e cadeva rovinosamente a terra, il gioco proseguiva e Marriner passando dalle parti del buon centrale eagles sembrava quasi verificare il polso carotideo facendo proseguire il gioco.
Detto dell'atteggiamento dell'arbitro, non puoi permetterti di applaudirlo da zero metri. Ottieni solo un rosso, la tua squadra in 10 e una squalifica.

Zaha salta quindi la sfida casalinga con il Fulham. Al suo posto finalmente spazio a Benteke dal primo minuto, dentro anche Schlupp a centrocampo al posto di Kouyate e tanta curiosità per il nuovo arrivo Batshuayi che siede in panchina.
A centrocampo si lotta tanto e la prima occasione é per Mitrovic di testa che colpisce però i tabelloni pubblicitari, poi il solito cross lento lento e la solita manina, questa volta di Christie a toglierla dalla disponibilità di Benteke in area. Penalty, Milivojevic sul dischetto, Rico quasi ci arriva ma non basta. 1-0 Palace. 
Si prosegue, Eagles in fiducia, Townsend per Zaha per Townsend, si gioca corto e si gioca lungo, Townsend cross golossissmo per Benteke che sforbicia al volo dal cuore dell'area, traversa piena. sarebbe stato un gol bellissimo.
Nella ripresa il trend non cambia, Palace ci prova, ci va vicino con Schlupp, il Fulham é spuntato e si ferma ai sedici metri senza impegnare Guaita. Dovessimo trocare un difetto ai nostri, troppi cross dai 20 metri quando si potrebbero trovare soluzioni offensive anche palla a terra. Certo la presenza di Benteke in mezzo ingolosisce. Cambiano un pò le cose con l'ingresso di Batshuayi al posto di Ayew. Il gol che arriva al minuto 87 é la sintesi dei piedi buoni a disposizione di Roy Hodgson. Townsend che duetta con Max Meyer sulla sinistra, si accentra scarica per Meyer che rigioca per Batshuayi, ancora scarico fuori per Townsend che restituisce palla alla punta belga che spalle alla porta chiuso da 4 cottagers riesce a girarsi di destro e consetire a Rico solo la respinta corta, sulla quale arriva il facile tap-in del presentissimo Schlupp. Un bel vedere a Selhurst Park, in attesa di ricevere il West Ham sabato 9 febbraio alle solite 3PM ora di Croydon.